Copyright (C) 2018. www.Bioregione.eu - Last Update: 30.01.2018

Progetto Bioregione: Gli Obiettivi

progetto Bioregione
Obiettivi generali

- Migliorare la sostenibilità dei cicli agroalimentari lombardi creando le condizioni per un incontro virtuoso tra la domanda organizzata di cibo di qualità e i diversi tipi di produzione locale sostenibile anche in vista di una sostenibilità economica del sistema agroalimentare lombardo, in linea con i nuovi indirizzi della PAC.

- Favorire il cambiamento della produzione agricola e il suo mantenimento nel tempo, come condizione primaria per il miglioramento complessivo dell'ambiente e del paesaggio e per il mantenimento degli equilibri territoriali tra insediamenti e spazi aperti.

Obiettivi specifici

  • Identificare, quantificare e valutare lo stato attuale delle diverse forme di consumo collettivo di prodotti alimentari (es. ristorazione istituzionale, gruppi di acquisto solidali, cooperative di consumo, ecc.) in modo da facilitare il loro ri-orientamento nella direzione di un “sistema alimentare locale”.
  • Valutare i sistemi di approvvigionamento dei prodotti destinati alla ristorazione istituzionale nel bacino alimentare della Regione Lombardia con un confronto critico con altri casi studio italiani ed esteri.
  • Sistematizzare le informazioni sulle produzioni agricole locali, biologiche e di qualità, che attualmente non sono disponibili in modo unitario, per identificarne le potenzialità in termini di mercato e di qualità in rapporto ai luoghi del consumo territoriale.
  • Individuare i flussi e le relazioni territoriali tra produzione e consumo valutandone le potenzialità e i punti di debolezza: da dato economico-quantitativo a elemento di descrizione del territorio e delle sue dinamiche socio-economiche.
  • Identificare le potenzialità di riutizzo dei rifiuti organici prodotti dal sistema della ristorazione istituzionale in un ambito territoriale scelto come campione e della loro potenzialità ad essere trasformati in fertilizzanti per aziende dello stesso ambito territoriale come base per l'aumento della sostanza organica presente nei terreni lombardi (filiera corta del rifiuto).
  • Misurare e valutare i principali impatti sociali, economici ed ambientali delle filiere di produzione-distribuzione-consumo.
  • Favorire la connessione tra attori della domanda e dell'offerta di prodotti agroalimentari nella prospettiva di patti agroalimentari territoriali, con una particolare attenzione per i bacini urbani di maggiore concentrazione della domanda organizzata.
  • Definire in modo condiviso linee di indirizzo per politiche locali e regionali che facilitino la nascita e il consolidamento di diverse forme di produzione e consumo locale nell'ottica di sistemi agroalimentari locali.
  • Fornire un set di strumenti disponibili pubblicamente per indirizzare le scelte degli acquisti collettivi (es. capitolati-tipo per gli acquisti, ecc.) e per valutare, in generale, la sostenibilità delle scelte di produzione e consumo alimentare (cruscotto di sostenibilità agroalimentare).
Copyright (C) 2016. www.Bioregione.eu - Last Update: 06.05.2016